Corsica, il mare e le regioni

La Corsica Misura 183 km in lunghezza e circa 83 in larghezza; nonostante le dimensioni ridotte è possibile identificare numerose microregioni al suo interno, diverse e distinte per caratteristiche geografiche, paesaggistiche, e persino culturali e linguistiche. Scogliere a picco sul mare e lunghe spiaggie di sabbia bianca. Fitte foreste e vigneti a perdita d'occhio. Città di mare con una forte identità genovese e piccoli villaggi dove il tempo si è fermato. Rifugio dalla vita mondana e, al tempo stesso, meta di una mondanità esclusiva, non ostentata ma d'élite, dove i nomi che contano fanno di tutto per non apparire. Ecco lo stile che ha scelto la Corsica, l'esatto opposto della vicina Costa Smeralda e del modello Bilionaire. E' in questa contrapposizione la chiave per capire cos'è veramente e perchè in tanti la scelgono: politici e industriali, celebrità; e imprenditori in fuga dai ritmi metropolitani. Dalle Vette del Monte Cinto, alle scogliere di Bonifacio, dalle gole della valle della Restonica alla spiaggia di Palombaggia, passando per le Aiguilles de Bavella e per le stradine di Corte, l'Isola bella offre uno degli scenari più vari del Mar Mediterraneo. Ideale sia per chi preferisce una vacanza di relax sulle coste alternata a qualche escursione nell'interno, sia a chi predilige lo sport all'aria aperta, dalla barca a vela agli itinerari di trekking. Una combinazione di scenari così diversi tra loro, con climi che variano da quello alpino, freddo e secco, a quello marino, più umido e ventoso.